Dia duit, a ghrà!

Come foglie Rosse

images
Sul sentiero delle foglie rosse
camminano i sogni,
danzano leggeri oltre il suono del bosco;
si trasformano alla luce e
nel tempo
che scorre come acqua.

9 Risposte

  1. … a Te che leggi,

    sono stata altrove
    e non è cambiato nulla.

    Forse tornare servirà a guardare nuovamente il cielo con occhi che sanno guardare oltre.

    24/08/2015 alle 10:58

  2. Ma perché dove sei stata?

    24/08/2015 alle 12:58

    • buon pomeriggio a te che hai letto,

      sembrerà sciocco e certamente poco interessante. Ho trascorso un periodo lontano da qui per imparare a stare di più con quella me stessa che iniziava a starmi un po’ antipatica. Adesso mi conosco un po’ di meno ma mi capisco un po’ di più e non è che sia cambiato molto dalla partenza ad oggi …. solo che per comprendere un viaggio bisogna necessariamente tornare a casa e ritrovare con gli occhi della mente e del cuore ciò che si è vissuto. Credo.

      Grazie per essere passata da qui.
      I Miei Rispetti
      Ni’Ghail
      Slàn

      24/08/2015 alle 14:09

  3. Molto belle quanto avete postato, milady mia signora.
    Per una nostra e tutta nostra limitazione mentale e culturale, non afferrammo il discorso del viaggio.
    Ma va bene così.
    Abbiate, mia signora, le nostre migliori cordialità

    26/08/2015 alle 09:52

  4. Grazie Milord,
    per le parole e per essere passato presso queste stanze.
    Il discorso del viaggio è assai semplice sapete, in realtà intendevo dire che non bisogna allontanarsi molto da casa per trovare ciò che si stava cercando. Ed io cercavo di ritrovarmi … ed essendo qui …. ho dovuto solo guardare meglio dentro me stessa ed imparare a fare cose per me stessa. Un po’ di sano egoismo. diciamo.
    Ma senza esagerare.

    I Miei Rispetti
    Ni’Ghail
    slàn

    26/08/2015 alle 11:34

  5. Dolce il silenzio, fermo nell’attesa.
    L’ultimo ruscello ha lambito l’albero.
    Fortuna cantò,
    oltre i rami della luna,
    nelle colline argentate
    e nei silenzi notturni.

    Il mare,
    nella risacca,
    sussurra un nome.
    Il tempo, lontano,
    in un passato remoto,
    protetto da nuvole rosate
    lancia il suo grido
    dal futuro
    al presente.

    Cordialità milady

    01/10/2015 alle 18:44

  6. Nulla più d’una Lacrima al Tramonto.

    La Solitudine appare come in Sogno
    e le mani lievi
    a ritornare dal Passato
    come in un canto
    di Nebbia velata d’Acqua.
    Inaspettata è la Bellezza dei giorni dischiusi al vento …
    … arresa alla figura perduta nel piccolo Mondo
    e di poco scivola,
    oltre le Porte del Cammino.

    Improvviso sta il Silenzio
    e l’altro Nome
    lo giudica
    dall’alto di un Illusione;
    Cauto ed inconsapevole
    nel raccogliersi
    alla Fiamma che lascia sussultare
    ogni nota di Fuoco,
    in ogni Grazia.

    Non un grido melodioso,
    né una splendida Ferita nascosta,
    o una traccia di Viaggio dentro il cuore, da conservare come una lacrima … come una Via da seguire; fino al giorno.

    Solo Istanti
    e Pietre a ricoprire la scia dei Voli.
    ___
    Grazie per le Vostre parole Milord.
    I Miei Rispetti

    Slàn

    02/10/2015 alle 13:51

  7. Questo blog e’ superbo!😊

    13/10/2015 alle 21:17

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...